virtuale contro il bullismo
Un quartiere “virtuale” per difendersi dal bullo
4 Agosto 2010
“Diventare Genitori”: l’applicazione per iPhone in aiuto alla famiglia
4 Agosto 2010
Tutte le categorie

Quando l’aiuto diventa necessario (quarto incontro)

Tempo di lettura: 4 minuti

caso clinicoQuarto incontro con Maria

In questa seduta la paziente arriva manifestando un senso di fierezza.

P – Dottoressa, sono molto contenta, anche se credo di aver fatto una gran confusione nel compito, anche se sento che comincio a capirci qualcosa , voglio dire che non era difficile capire che ci sentiamo  secondo i pensieri che facciamo.

Vengo al dunque:  domenica mia madre mi ha chiesto di darle una mano in cucina visto che avevamo ospiti; io istintivamente- come mio solito- mi sono contrariata alla sua richiesta ( che p..! ho pensato, ti pareva che mi lasciava in pace!, ma poi dentro di me mi sono detta: ma è vero che mamma non doveva chiedermi di aiutarla? E la risposta ragionata è stata no, non è affatto vero!, perché lei è libera di chiedere qualunque cosa! Non c’è nessuna legge che vieta alle persone di chiedere una cosa e subito mi sono sentita più tranquilla; poi sempre dentro di me mi sono detta: ora io sono libera di rispondere si oppure no; ed ho continuato: non c’è nessuna legge che dice: si, la devo aiutare oppure no, non la devo aiutare. Ho scelto di rispondere si, perché mi pareva giusto darle una mano.

T – Complimenti Maria, perché quello che hai fatto domenica è un ottimo intervento di disputa e ridefinizione del pensiero irrazionale automatizzato che come hai visto ti ha subito modificato la risposta emotiva; il C spontaneo di rabbia si è velocemente evoluto in un C di accettazione e desiderio di disponibilità.

P – Si, ma questo lo so perché mi è stato possibile, perché mi sono allenata tutta la settimana, mentalmente, sul ripasso della discussione di quel primo pensiero della vergogna: il “ Faccio schifo”

T – Certo Maria, è proprio così che funziona. Se noi apprendiamo un’abilità mentale in una certa circostanza non è che quella abilità resta legata a quella unica circostanza in cui l’abbiamo appresa, ma si estende spontaneamente a tutte le circostanze in cui risulta utile. Ti ricordi quando a scuola hai appreso il criterio della moltiplicazione? Magari il contesto richiedeva di sapere quanti soldi avrebbe speso la mamma per comperare otto pacchetti di caramelle che costavano X al pacchetto. Quando ti appropriasti  del significato e funzionamento di quella moltiplicazione iniziasti ad applicarlo spontaneamente tutte le volte che ti si proponeva un quesito simile.

Lettura di approfondimento:  Quando l'aiuto diventa necessario

P – Si, è proprio così, infatti quando applico il tridente mi viene sempre più veloce la risposta se è vero o è falso!

T – Allora andiamo avanti e vediamo cosa hai fatto con gli altri pensieri irrazionali relativi alla tua vergogna.

P – si, eccoli sono qui, ma devo dirti una cosa: lo sai che mi sembro più tranquilla rispetto a me stessa? Venerdì era il compleanno di mia cugina e c’erano alcuni suoi amici, non solo sono andata alla sua festa, ma una volta lì è come se mi fossi dimenticata di me ed ho fatto anche delle amicizie. Alcuni di loro mi hanno chiesto di essere presente alle loro future feste.

T – Bene, molto bene! E potresti spiegarmi cosa è accaduto?

P – mi verrebbe da rispondere che non è accaduto nulla, ma so che devo chiedermi cosa pensavo di me che mi ha fatto sentire tranquilla. Mi sentivo simpatica e vedevo che la gente parlava volentieri con me questo mi faceva pensare che allora non era proprio vero che faccio schifo; quando sono andata in bagno con altre due ragazze e ci siamo fermate davanti allo specchio mi sono detta: ma mica sono tanto diversa da loro?!

T – Ottima disamina! Infatti “ come volevasi dimostrare” se descrivi te stessa in maniera razionale e corretta le emozioni saranno adeguate, corrette e quindi di tipo positivo.

P – Allora, gli altri 3 B erano:ho la faccia da topo, sono inguardabile, ho gli occhi da morta. Ho subito applicato il tridente a questi miei tre pensieri( presunzioni irrazionali) e la mia risposta è stata eccola quì: non è affatto vero che ho la faccia da topo, perché il topo à un animale non una persona, io sono una persona con una faccia da persona, non ho il muso con i denti accuminati e le orecchie pelose;

Lettura di approfondimento:  Quando l'aiuto diventa necessario (decimo incontro)

Non è vero che sono inguardabile, perché quando la gente mi saluta significa che prima mi ha guardata, io stessa mi posso guardare quando voglio davanti allo specchio senza che crolli l’universo e questo dimostra che sono guardabile come tutti gli oggetti, le persone e le cose di questo mondo;

Non è neanche vero che ho gli occhi da morta per il fatto che sono viva e per sapere come sono i miei occhi da morta dovrei prima morire, ma non essendo mai morta non posso assolutamente avere gli occhi da morta, ne sapere come sono

Ecco io ho scritto i miei pensieri corretti applicando il tridente, ma non ho impostato il lavoro in ABC, perché mi sono un po’ persa ed ora non so se le mie emozioni sono giuste

T – Maria hai fatto un ottimo intervento di ridefinizione dei pensieri irrazionali, per quanto riguarda lo schemino è semplice: parti sempre dal considerare il punto C ovvero il problema che intendi risolvere; quindi a six poni l’A ovvero la situazione (evento) in cui avverti il problema emotivo o disturbo; infine trova i B ovvero i pensieri spontanei che fai su quell’A e che sono responsabili del disagio che avverti a questo punto con lo schemino ed i suoi tre tempi sotto gli occhi inizia la discussione o disputa dei B usando il tridente. Probabilmente, essendo passata subito alla discussione dei B ti è sembrato di aver fatto confusione, ma questo non è un danno, perché nella sostanza gli effetti li ottieni solo che poi puoi aver la sensazione di non sapere dove ti trovi. Ora questo lavoro lo farai da domani, per iscritto tutti i giorni per tre volte al giorno come da protocollo. Intanto, come anticipato, vogliamo accennare all’inserimento dei: d-e (vedi art.li sul funzionamento mentale). Dato l’ABC il nostro desiderio è :produrre il cambiamento che mi consente di non avere più la sofferenza che ho: pensiamo allora al punto –d- come al punto della discussione che ormai conosci e che ci consente di raggiungere – l’e – ovvero il modo in cui mi vorrei sentire in quella stessa situazione A.; la domanda da porsi è: come vorrei sentirmi rispetto alla stessa situazione – evento- (nel tuo caso) invece che vergognarmi di me?

Commenta su Facebook
Lettura di approfondimento:  Quando l'aiuto diventa necessario (quinto incontro)
Valuta questo articolo

_____________________________________________________

© RIPRODUZIONE RISERVATA, COPYRIGHT www.davidealgeri.com. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

E’ vietata la copia e la pubblicazione, anche parziale, del materiale su altri siti internet e / o su qualunque altro mezzo se non a fronte di esplicita autorizzazione concessa da davidealgeri.com e con citazione esplicita della fonte. E’ consentita la riproduzione solo parziale su forum, pagine o blog solo se accompagnata da link all’originale della fonte. E’ altresì vietato utilizzare i materiali presenti nel sito per scopi commerciali di qualunque tipo.


Che emozione hai provato dopo aver letto questo articolo?

0% 0% 0% 0% 0%

Contatta lo psicologo

Acconsento al trattamento dei miei dati personali ai sensi del Regolamento Europeo GDPR.


HAI BISOGNO DI UNO PSICOLOGO NELLA TUA ZONA? CERCALO NELLA RETE DI PSICOLOGI

SOFFRI DI ATTACCHI DI PANICO? SCOPRI COME SUPERARLI CON DON'T PANIC

Don't Panic: Come Uscire dalla Prigione di Paura è l'ebook che ho con la Dott.ssa Annarita Scarola per aiutarti a superare gli attacchi di panico.

Scarica il nostro ebook gratuito per scoprire tutti i rimedi contro gli attacchi di panico per uscirne finalmente una volta per tutte.

You have Successfully Subscribed!