Gestire il dolore passandoci in mezzo
4 agosto 2010
Depressione altrimenti detta: male oscuro
4 agosto 2010
Tutte le categorie

Carattere rabbioso e comportamento ostile

Tempo di lettura: 2 minuti

Carattere rabbioso e comportamento ostile

In questa nostra indagine finalizzata a mettere in evidenza le determinanti psicologiche dei quattro quadri disfunzionali responsabili della sofferenza umana ci siamo proposti di posare l’attenzione soprattutto sul perché essi accadono, cioè qual è il passaggio mentale che attiva il comportamento nevrotico.

Come anticipato, in questo spazio, tratteremo il problema di rabbia o ostilità.

Al lettore sarà sicuramente capitato di vedere una persona alle prese con lo sfogo della propria rabbia, avete notato quali trasformazioni subisce il volto del rabbioso/a?

Il viso si gonfia, i tratti si induriscono, le pupille escono fuori dalle orbite, il colore diventa cianotico, il torace si gonfia, le spalle si sollevano e le braccia si bloccano a centotrenta gradi. Nessuna altra emozione è in grado di provocare tutto questo.

Consideriamo quanto può soffrire e star male la persona in queste condizioni. Vediamo come si genera questa violenta carica implosiva ed esplosiva.

A livello mentale si attiva una cognizione nevrotica (presunzione doveristica) “non devi/dovete/devono fare X e siccome lo hai/avete/hanno fatto ti devo punire” e a livello psicologico si attiva l’assetto di guerra per l’esecuzione del cattivo.

Praticamente il rabbioso si elegge giudice indiscutibile del comportamento altrui – in certi casi anche di se stesso –  e di conseguenza si autorizza ad infliggere la pena al trasgressore.

Mentre l’ansioso si rende conto del suo comportamento e si mette spesso in discussione nel rabbioso questo non accade poiché è molto convinto che la colpa è tutta dell’altro che ha sbagliato e che è stato costretto a punire.

Del linguaggio del rabbioso , infatti, fanno parte alcune esclamazioni come: mi ci ha costretto! Non potevo fare altrimenti! Se lo è cercato! Deve imparare/capire! Anche in questo ambito nevrotico vedremo in seguito come è possibile intervenire per risolvere i problemi di rabbia.

Lettura di approfondimento:  Come affrontare la gelosia con la nascita di un nuovo bebè in famiglia?
Carattere rabbioso e comportamento ostile
Dai un voto a questo articolo

Se ti è piaciuto questo post, aiutami a condividerlo sui Social Network!


_____________________________________________________

© RIPRODUZIONE RISERVATA, COPYRIGHT www.davidealgeri.com. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

E’ vietata la copia e la pubblicazione, anche parziale, del materiale su altri siti internet e / o su qualunque altro mezzo se non a fronte di esplicita autorizzazione concessa da davidealgeri.com e con citazione esplicita della fonte. E’ consentita la riproduzione solo parziale su forum, pagine o blog solo se accompagnata da link all’originale della fonte. E’ altresì vietato utilizzare i materiali presenti nel sito per scopi commerciali di qualunque tipo.


Che emozione hai provato dopo aver letto questo articolo?

0% 0% 100% 0% 0%

Contatta lo psicologo

Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, secondo la normativa vigente sulla Privacy D.Lgs. 196/2003.


HAI BISOGNO DI UNO PSICOLOGO NELLA TUA ZONA? CERCALO NELLA RETE DI PSICOLOGI

Commenta