Educazione e creatività
10 Apr 2011
Il trattamento del disturbo alimentare
10 Apr 2011
Tutte le categorie

Il tuo bambino è ansioso?

Tempo di lettura: 2 minuti

ansia-infantile

Cosa è l’ansia infantile

Sebbene sia molto triste siamo tenuti a prendere atto che il fenomeno dell’ansia infantile è in continuo aumento. I piccoli, sotto ai dieci anni di vita, sono spesso caratterizzati dai segni di una  vera e propria fatica, relativamente allo sviluppo psico-affettivo, che si manifesta con assenza di allegria, di spensieratezza e gioiosità. Molti piccoli presentano problemi del sonno, fatica a stabilire rapporti sociali (paura della scuola), ma soprattutto lamentano paure varie. Relativamente alle paure, i capri espiatori più diffusi sono: paura del buio, del ladro, del fantasma, del mostro e del cattivo, paura che mamma/papà vada via; tutte forme di paura, queste, che possono essere considerate sottocategorie della paura dell’ignoto; in altri termini è come se i bimbi vivessero con la certezza della minaccia, del male e del pericolo.

Il circolo vizioso dell’ansia

La dinamica mentale dell’ansia ha una struttura molto chiara e comprensibile che si rivela alla psiche come: aspettativa del danno imminente. E’ come se il bambino pensasse: siccome potrebbe accadere (….), allora sicuramente mi accadrà, accadrà nella forma peggiore ed io non potrò farci niente e questo sarà terribile e allora io ci devo pensare e me ne devo preoccupare continuamente.

Vale la pena ricordare che, adulti o bambini non fa differenza, la portata di una minaccia è inversamente proporzionale alla considerazione che si ha di se stessi. Se il soggetto ha buona stima di sé, si percepisce, forte, al sicuro e ben protetto. Le paure, non trovando terreno fertile, si dissolveranno prima ancora di formarsi, ma se il soggetto si percepisce fragile, poco importante, solo e non protetto i fantasmi delle paure si insedieranno nella mente andando a formare delle matrici comportamentali di base destinate a rafforzarsi e confermarsi nel tempo, sotto forma di ansia generalizzata, fino ad essere confuse con le caratteristiche genetiche del bambino.

Lettura di approfondimento:  Depressione post-partum: influenza lo sviluppo del bambino?

L’ansia non è una caratteristica geneticamente determinata, ma semplicemente un comportamento appreso. Il bambino impara ad essere ansioso proprio come impara a sentirsi forte e al sicuro. La coppia attuale fragile e poco impegnata, le facile separazioni dei coniugi, le facili rivendicazioni dei partner del diritto di pensare a se stessi hanno reso il clima intorno al bambino precario, inaffidabile e continuamente minaccioso di evoluzioni negative. I bambini derubati della famiglia forte e calda, essendo egocentrici, traducono il dolore che vivono come una conseguenza del loro essere “sbagliati” o “cattivi”. L’auto colpevolizzazione spegne l’energia vitale e la curiosità di scoprire la vita. Il bimbo tradito si fissa sulla paura di …, ed entra in ansia la quale, strutturandosi come sindrome, evincerà nel comportamento come prima caratteristica del piccolo.

Scritto da Elisabetta Vellone

Commenta su Facebook
Il tuo bambino è ansioso?
Valuta questo articolo

Dott. Davide Algeri

Psicologo, Psicoterapeuta, Consulente sessuale e Coach at Psicologia Pratica: La psicologia del cambiamento concreto
Psicologo, Psicoterapeuta, Consulente sessuale e Coach
Aiuto le persone a trovare semplici soluzioni pratiche a problemi complessi.

_____________________________________________________

© RIPRODUZIONE RISERVATA, COPYRIGHT www.davidealgeri.com. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

E’ vietata la copia e la pubblicazione, anche parziale, del materiale su altri siti internet e / o su qualunque altro mezzo se non a fronte di esplicita autorizzazione concessa da davidealgeri.com e con citazione esplicita della fonte. E’ consentita la riproduzione solo parziale su forum, pagine o blog solo se accompagnata da link all’originale della fonte. E’ altresì vietato utilizzare i materiali presenti nel sito per scopi commerciali di qualunque tipo.

Lettura di approfondimento:  Dubbio patologico e autoinvalidazione ricorsiva

Che emozione hai provato dopo aver letto questo articolo?

0% 0% 0% 0% 0%

Contatta lo psicologo

Acconsento al trattamento dei miei dati personali ai sensi del Regolamento Europeo GDPR.


HAI BISOGNO DI UNO PSICOLOGO NELLA TUA ZONA? CERCALO NELLA RETE DI PSICOLOGI

Dott. Davide Algeri
Dott. Davide Algeri
Psicologo, Psicoterapeuta, Consulente sessuale e Coach Aiuto le persone a trovare semplici soluzioni pratiche a problemi complessi.