I livelli di conflitto nella scuola
6 dicembre 2012
senso di gratitudine e cultura
Ti sfido a dire Grazie!
14 dicembre 2012
Tutte le ctegorie

Tre strategie per aiutare i propri figli a gestire la rabbia

Tempo di lettura: 2 minuti

rabbia-bambiniNon c’è nessuno che non si arrabbia mai. La rabbia è una emozione primitiva, osservabile anche nei bambini molto piccoli e nelle specie animali diverse dall’uomo. Tutti, quindi, ci arrabbiamo: essa è un’emozione naturale e sana, funzionale per la sopravvivenza stessa; quello che può variare in ognuno di noi, invece, è la modalità con cui gestiamo ed esprimiamo il sentimento della rabbia, imparando a controllarne le reazioni più impulsive ed istintive.

La rabbia, infatti, è un sentimento naturale, che colpisce tutti. Anche i bambini non sono immuni da questo sentimento, anzi: insieme al dolore a alla gioia, essa è una tra le emozioni più precoci. La rabbia è un’emozione molto diffusa nei più piccoli, i quali la esprimono solitamente attraverso i capricci, i pianti ininterrotti e i comportamenti aggressivi, sia rivolti verso se stessi che verso gli altri. È importante ricordarsi che la rabbia non è di per sé negativa, ma occorre imparare a gestirla nella maniera adeguata, controllando la frustrazione che ognuno di noi, prima o poi, si trova ad incontrare nella vita. Per i bambini diventa fondamentale il ruolo dei genitori, i quali devono insegnare loro come riconoscerla ed esprimerla nella maniera più funzionale.

Insegnare ai bambini a gestire la rabbia

Ecco qualche suggerimento pratico:

  • La rabbia è un sentimento naturale. È importante spiegare ai propri figli che arrabbiarsi è normale e succede a tutti noi; ovviamente è necessario utilizzare parole e modalità adatte all’età e al livello di sviluppo del bambino. È opportuno incoraggiare i bambini a sentirsi liberi di vivere ogni emozione, insegnandoli a prestare, però, attenzione al modo in cui esse vengono manifestate.
  • Imparare a riconoscerla e a darle un nome.  Il primo passo per imparare a gestire la propria rabbia è quello di riconoscere l’emozione e attribuirle un nome. Mettere parola su ciò che si sta vivendo è fondamentale per imparare a contenere questo sentimento. È importante poter riflettere, parlarne e discuterne insieme, magari aiutandosi con la drammatizzazione delle emozioni o mettendola in scena con l’ausilio di bambolotti o marionette.
  • No al bastone, sì alla carota. Di fronte alla rabbia dei più piccoli è controproducente reagire con sgridate e punizioni. Al contrario è opportuno lodare i miglioramenti di gestione della rabbia, premiando i comportamenti positivi e costruttivi che il bambino mette in atto quando si sente sopraffare da questo sentimento.
Lettura di approfondimento:  Holiday Blues: l'altra faccia del Natale

In conclusione, è opportuno ricordare che il modo migliore per insegnare ai propri figli a gestire le proprie emozioni è sicuramente quello di mostrare il buon esempio. Può sembrare scontato, ma i bambini assorbono come delle spugne i comportamenti degli adulti, ripetendo i pattern comportamentali che vedono mettere in atto tutti i giorni. Se ci mostriamo capaci di gestire le nostre emozioni, controllandole in modo costruttivo, i nostri bambini impareranno presto, con successo, a fare altrettanto.

Tre strategie per aiutare i propri figli a gestire la rabbia
Dai un voto a questo articolo

Se ti è piaciuto questo post, aiutami a condividerlo sui Social Network!

Dr.ssa Annabell Sarpato

Dr.ssa Annabell Sarpato

Psicologa e conduttrice di gruppi
Esperta in Processi di Apprendimento
Svolge la libera professione privatamente presso il Centro di Psicoterapia Psicodinamica Eric Berne, lavorando con i bambini e le loro famiglie, attraverso interventi individuali e di gruppo.
Dr.ssa Annabell Sarpato

Articoli recenti di Dr.ssa Annabell Sarpato (guarda tutto)


_____________________________________________________

© Copyright, www.davidealgeri.com – Tutti i diritti riservati. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

E’ vietata la copia e la pubblicazione, anche parziale, del materiale su altri siti internet e / o su qualunque altro mezzo se non a fronte di esplicita autorizzazione concessa da davidealgeri.com e con citazione esplicita della fonte. E’ consentita la riproduzione solo parziale su forum, pagine o blog solo se accompagnata da link all’originale della fonte. E’ altresì vietato utilizzare i materiali presenti nel sito per scopi commerciali di qualunque tipo.


Come ti senti dopo aver letto questo articolo?

0% 0% 0% 0% 0%

Contatta lo psicologo

Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, secondo la normativa vigente sulla Privacy D.Lgs. 196/2003.


HAI BISOGNO DI UNO PSICOLOGO NELLA TUA ZONA? CERCALO NELLA RETE DI PSICOLOGI


ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Iscriviti per ricevere future notifiche di nuovi corsi o contenuti da leggere. 🙂
Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, secondo la normativa vigente sulla Privacy D.Lgs. 196/2003.
Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *