I livelli di conflitto nella scuola
6 Dicembre 2012
senso di gratitudine e cultura
Ti sfido a dire Grazie!
14 Dicembre 2012
Tutte le categorie

Tre strategie per aiutare i propri figli a gestire la rabbia

Tempo di lettura: 2 minuti

rabbia-bambiniNon c’è nessuno che non si arrabbia mai. La rabbia è una emozione primitiva, osservabile anche nei bambini molto piccoli e nelle specie animali diverse dall’uomo. Tutti, quindi, ci arrabbiamo: essa è un’emozione naturale e sana, funzionale per la sopravvivenza stessa; quello che può variare in ognuno di noi, invece, è la modalità con cui gestiamo ed esprimiamo il sentimento della rabbia, imparando a controllarne le reazioni più impulsive ed istintive.

La rabbia, infatti, è un sentimento naturale, che colpisce tutti. Anche i bambini non sono immuni da questo sentimento, anzi: insieme al dolore a alla gioia, essa è una tra le emozioni più precoci. La rabbia è un’emozione molto diffusa nei più piccoli, i quali la esprimono solitamente attraverso i capricci, i pianti ininterrotti e i comportamenti aggressivi, sia rivolti verso se stessi che verso gli altri. È importante ricordarsi che la rabbia non è di per sé negativa, ma occorre imparare a gestirla nella maniera adeguata, controllando la frustrazione che ognuno di noi, prima o poi, si trova ad incontrare nella vita. Per i bambini diventa fondamentale il ruolo dei genitori, i quali devono insegnare loro come riconoscerla ed esprimerla nella maniera più funzionale.

Insegnare ai bambini a gestire la rabbia

Ecco qualche suggerimento pratico:

  • La rabbia è un sentimento naturale. È importante spiegare ai propri figli che arrabbiarsi è normale e succede a tutti noi; ovviamente è necessario utilizzare parole e modalità adatte all’età e al livello di sviluppo del bambino. È opportuno incoraggiare i bambini a sentirsi liberi di vivere ogni emozione, insegnandoli a prestare, però, attenzione al modo in cui esse vengono manifestate.
  • Imparare a riconoscerla e a darle un nome.  Il primo passo per imparare a gestire la propria rabbia è quello di riconoscere l’emozione e attribuirle un nome. Mettere parola su ciò che si sta vivendo è fondamentale per imparare a contenere questo sentimento. È importante poter riflettere, parlarne e discuterne insieme, magari aiutandosi con la drammatizzazione delle emozioni o mettendola in scena con l’ausilio di bambolotti o marionette.
  • No al bastone, sì alla carota. Di fronte alla rabbia dei più piccoli è controproducente reagire con sgridate e punizioni. Al contrario è opportuno lodare i miglioramenti di gestione della rabbia, premiando i comportamenti positivi e costruttivi che il bambino mette in atto quando si sente sopraffare da questo sentimento.
Lettura di approfondimento:  Rabbia: 3 possibili cause per 3 strategie di risposta

In conclusione, è opportuno ricordare che il modo migliore per insegnare ai propri figli a gestire le proprie emozioni è sicuramente quello di mostrare il buon esempio. Può sembrare scontato, ma i bambini assorbono come delle spugne i comportamenti degli adulti, ripetendo i pattern comportamentali che vedono mettere in atto tutti i giorni. Se ci mostriamo capaci di gestire le nostre emozioni, controllandole in modo costruttivo, i nostri bambini impareranno presto, con successo, a fare altrettanto.

Commenta su Facebook
Tre strategie per aiutare i propri figli a gestire la rabbia
1.6 (32%) 5 votes
Dr.ssa Annabell Sarpato

Dr.ssa Annabell Sarpato

Psicologa e conduttrice di gruppi
Esperta in Processi di Apprendimento
Svolge la libera professione privatamente presso il Centro di Psicoterapia Psicodinamica Eric Berne, lavorando con i bambini e le loro famiglie, attraverso interventi individuali e di gruppo.
Dr.ssa Annabell Sarpato

Latest posts by Dr.ssa Annabell Sarpato (see all)


_____________________________________________________

© RIPRODUZIONE RISERVATA, COPYRIGHT www.davidealgeri.com. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

E’ vietata la copia e la pubblicazione, anche parziale, del materiale su altri siti internet e / o su qualunque altro mezzo se non a fronte di esplicita autorizzazione concessa da davidealgeri.com e con citazione esplicita della fonte. E’ consentita la riproduzione solo parziale su forum, pagine o blog solo se accompagnata da link all’originale della fonte. E’ altresì vietato utilizzare i materiali presenti nel sito per scopi commerciali di qualunque tipo.


Che emozione hai provato dopo aver letto questo articolo?

100% 0% 0% 0% 0%

Contatta lo psicologo

Acconsento al trattamento dei miei dati personali ai sensi del Regolamento Europeo GDPR.


HAI BISOGNO DI UNO PSICOLOGO NELLA TUA ZONA? CERCALO NELLA RETE DI PSICOLOGI

Lettura di approfondimento:  Anestesia emotiva: quando diventa difficile "sentire" le emozioni
Dr.ssa Annabell Sarpato
Dr.ssa Annabell Sarpato
Psicologa e conduttrice di gruppi Esperta in Processi di Apprendimento Svolge la libera professione privatamente presso il Centro di Psicoterapia Psicodinamica Eric Berne, lavorando con i bambini e le loro famiglie, attraverso interventi individuali e di gruppo.