Voyeurismo: cosa è e come uscirne
11 aprile 2015
Che periodo nero!
16 aprile 2015
Tutte le ctegorie

Adescamento online: come si manifesta e consigli per i genitori

Tempo di lettura: 3 minuti

adescamento onlineÈ un reato che troppo spesso viene sottovalutato, ma ha una portata davvero enorme: si tratta dell’adescamento online di minori, a volte con risvolti anche molto critici. Il reato si configura come il tentativo di una persona malintenzionata di avvicinare per scopo sessuale bambini e adolescenti di età inferiore ai 16 anni. Il fenomeno è conosciuto come anche grooming, ed è una delle minacce più serie presenti all’interno della rete.

Internet ha permesso di superare le barriere spazio temporali, portando così numerosi vantaggi che, fino a qualche anno fa, non potevamo nemmeno immaginare, ma, se non utilizzato in maniera corretta, si rischia di cadere in trappole davvero molto pericolose.

Adescameno online: come e dove avviene

In rete, infatti, il pedofilo può trovare molti strumenti per trovare e adescare le sue vittime: i luoghi preferiti sono sicuramente i Social Network e le chat, dove i malintenzionati possono cercare minori e iniziare il loro adescamento. La rete si presta molto ai tentativi di manipolazione delle persone malintenzionate che, sotto falsi profili, conquistano la fiducia dei giovani naviganti.

Diversamente da quello che si può pensare, i pedofili possono utilizzare strategie diverse per adescare le loro vittime: le ricerche evidenziano che vi sono adescatori con complesse abilità di relazione, capaci di manipolare le giovani vittime, ma anche pedofili che utilizzano strategie dirette, come le minacce e l’aggressività.

Spesso gli adescatori instaurano, inizialmente, relazioni apparentemente di amicizia, parlando di presunte passioni comuni o interessi condivisi. Quasi sempre i pedofili mentono sulla loro reale età, per poi rivelarla solo quando il rapporto che si è creato diventa molto stretto; si passa poi alle confidenze sessuali e alla richiesta di immagini esplicite, a volte accompagnati dalla richiesta di un incontro. È importante sottolineare, però, che non è necessario l’incontro reale con il minore, in quanto il reato penale si concretizza anche in assenza di abuso fisico.

Lettura di approfondimento:  6 consigli pratici per affrontare la nascita di un bambino prematuro

Come prevenire il rischio dell’adescamento online

I rischi, dunque, possono essere molteplici, ma vietare l’uso di internet non solo è impossibile, ma diventa controproducente. È importante educare i bambini ad un utilizzo responsabile e consapevole della rete, che consente loro di imparare a usare correttamente Internet, prestando attenzione ai segnali che potrebbero accendere qualche sospetto. Informare i giovani sui rischi che si possono incontrare e insegnare loro come farvi fronte è sicuramente il metodo migliore per aiutarli ad autogestire il potentissimo strumento che hanno tra le mani.

Suggerimenti per aiutare i genitori a prevenire l’adescamento online

  • L’adescamento online è un rischio reale, ma è controproducente eccedere in allarmismo spaventando eccessivamente i ragazzi. Internet non deve essere demonizzato: la rete è una risorsa meravigliosa che ci consente di oltrepassare limiti fino a qualche anni fa insuperabili; l’importante è utilizzarlo con responsabilità e consapevolezza. I genitori, anche se a volte possono essere restii verso le nuove tecnologie, devono imparare a conoscerne almeno gli aspetti base, in modo da insegnare ai propri figli un utilizzo corretto.
  • Definire alcune regole semplici e chiare, magari da annotare insieme e tenere a portata di mano. E’ importante comprendere appieno il significato di alcune norme, perchè solo in questo modo i bambini e gli adolescenti capiscono il motivo reale per cui bisogna rispettarle.
  • Spiegare ai propri figli che vi possono essere uomini e donne che mascherano la loro reale identità, spacciandosi per persone diverse da chi realmente sono. La distinzione tra reale e virtuale è un tema molto complesso che deve essere affrontato quando si parla di Internet, perché mentire in rete risulta molto più facile che in altre situazioni.
  • Proprio perché dall’altra parte dello schermo spesso non c’è la persona che pensiamo che ci sia, è bene insegnare ai propri figli a non rilasciare informazioni o dati personali, né su di sé, nè sulla propria famiglia. Anche l’invio di foto a persone che non si conoscono personalmente è altamente sconsigliato, perché non si ha la certezza dell’uso che ne può essere fatto.
  • Per lo stesso motivo, è importante insegnare ai bambini che non si devono incontrare persone conosciute esclusivamente in rete, perché potrebbero essere persone diverse da come si sono presentate.
  • Non per ultimo, come sempre, prerequisito fondamentale è la presenza di un dialogo e confronto aperto e sincero, basato sulla fiducia e sul rispetto reciproco. Spesso non è facile parlare di situazioni così delicate e intime, ma è molto importante condividere la propria esperienza con un adulto di riferimento che possa consigliare cosa è meglio fare in situazioni di questo tipo.
Lettura di approfondimento:  Paura del buio nei bambini? Ecco come affrontarla

Per approfondimento scopri il videocorso sulla media education.

Adescamento online: come si manifesta e consigli per i genitori
Dai un voto a questo articolo

Se ti è piaciuto questo post, aiutami a condividerlo sui Social Network!

Dr.ssa Annabell Sarpato

Dr.ssa Annabell Sarpato

Psicologa e conduttrice di gruppi
Esperta in Processi di Apprendimento
Svolge la libera professione privatamente presso il Centro di Psicoterapia Psicodinamica Eric Berne, lavorando con i bambini e le loro famiglie, attraverso interventi individuali e di gruppo.
Dr.ssa Annabell Sarpato

Articoli recenti di Dr.ssa Annabell Sarpato (guarda tutto)


_____________________________________________________

© Copyright, www.davidealgeri.com – Tutti i diritti riservati. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

E’ vietata la copia e la pubblicazione, anche parziale, del materiale su altri siti internet e / o su qualunque altro mezzo se non a fronte di esplicita autorizzazione concessa da davidealgeri.com e con citazione esplicita della fonte. E’ consentita la riproduzione solo parziale su forum, pagine o blog solo se accompagnata da link all’originale della fonte. E’ altresì vietato utilizzare i materiali presenti nel sito per scopi commerciali di qualunque tipo.


Come ti senti dopo aver letto questo articolo?

0% 0% 0% 0% 0%

Contatta lo psicologo

Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, secondo la normativa vigente sulla Privacy D.Lgs. 196/2003.


HAI BISOGNO DI UNO PSICOLOGO NELLA TUA ZONA? CERCALO NELLA RETE DI PSICOLOGI


ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Iscriviti per ricevere future notifiche di nuovi corsi o contenuti da leggere. 🙂
Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, secondo la normativa vigente sulla Privacy D.Lgs. 196/2003.
Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *