9 caratteristiche dell’ascolto efficace
13 novembre 2012
L’equazione della felicità
20 novembre 2012
Tutte le ctegorie

I rischi del “mancato perdono”

Tempo di lettura: 2 minuti

perdonareIn anni recenti vari studi si sono interessati degli effetti del perdono sulla salute psico-fisica. Oltre alle più prevedibili conseguenze sul benessere psicologico, dal momento che il perdono ovviamente diminuisce od elimina il risentimento, restituendo una più serena modalità di relazionarsi con gli altri e con se stessi, si è trovato che esso produce benefici anche sulla salute fisica. Risultati di vari studi indicano ad es. che i soggetti che riescono a perdonare godono di migliore salute rispetto a chi non perdona, che il perdono diminuisce i valori pressori e migliora la funzionalità cardiaca.

Secondo Robert D. Enright, PhD, psicologo e professore di Psicologia Educativa all’Università di Madison nello Stato di Wisconsin (USA), sentimenti negativi come l’ira, l’odio, il rancore e il rifiuto di perdonare sono alla base di vari disturbi funzionali e alla lunga organici. Inoltre egli sostiene che la nostra ira non danneggia tanto chi ci ha danneggiato, che può essere persino inconsapevole di aver commesso un torto e un danno, quanto noi stessi e i nostri familiari. Quest’ultimo concetto è certamente condivisibile: con ogni probabilità conseguono effetti deleteri anzitutto psicologici e sociali al “mancato perdono”.

Questi effetti possono essere talmente nocivi da farmi ritenere che il perdono è molto più utile a chi ha ricevuto il torto che a chi lo ha commesso e che “non perdonare” è una condizione psicologica molto pericolosa proprio perché gravida di deleterie conseguenze.

Anche l’etimologia viene in aiuto a tali tesi; infatti il “non perdono” si associa inevitabilmente al “rancore”, parola che deriva dal latino “rancidum” che rimanda a qualcosa di cattivo, immangiabile e nocivo per la salute. Si può pensare che essendo il rancore un sentimento, la persona sia in grado di controllarlo impedendo che produca atti lesivi e danni tangibili contro chi è diretto. L’individuo che serba rancore potrebbe in questo modo giustificare se stesso, sia per la difficoltà a modificare i propri sentimenti, sia per la convinzione di riuscire a controllarli impedendo che si tramutino in azione. In realtà il rancore è una bomba pronta ad esplodere: se si verificheranno delle condizioni opportune, è molto probabile che il soggetto che non ha perdonato, anche inconsciamente o involontariamente compirà degli atti ostili nei confronti della persona odiata, proprio a causa del sentimento che predispone ad essi. L’atto ostile che danneggia l’altro poi, per sua natura, molto spesso se non sempre, si ripercuote negativamente su chi lo ha commesso e questo è tanto più vero quanto più i due attori della vicenda sono prossimi per legami parentali o sociali. Si pensi infatti ad una famiglia: se uno dei membri soffre, anche gli altri ne risentiranno. Non perdonare, tanto più dal momento in cui produce un danno tangibile per l’altro produrrà anche nel soggetto che non aveva perdonato quanto meno sentimenti di rimorso e spesso gravi conseguenze negative sulla sua esistenza. E’ appena il caso di rilevare che si possono danneggiare gli altri in molti modi, anche gravemente, pur restando entro i limiti della legge e in circostanze che sarebbe difficile provare davanti ad un giudice. Si può obiettare che, essendo il rancore un sentimento, non è facile o possibile cancellarlo volontariamente. Si può forse però “voler” provare a farlo.

Lettura di approfondimento:  E vissero felici e contenti: i segreti dell'amore duraturo

Approfondimenti

  • Robert D. Enright, Il perdono è una scelta. Ed. Salus Infirmorum 2011
  • Britta A. Larsen et alii. Psychosomatic Medicine July 20, 2012

Il mio ultimo libro

Una guida di self-help per le coppie in crisi

La coppia strategica copertina

bottone verde compra

I rischi del “mancato perdono”
Dai un voto a questo articolo

Se ti è piaciuto questo post, aiutami a condividerlo sui Social Network!


_____________________________________________________

© Copyright, www.davidealgeri.com – Tutti i diritti riservati. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

E’ vietata la copia e la pubblicazione, anche parziale, del materiale su altri siti internet e / o su qualunque altro mezzo se non a fronte di esplicita autorizzazione concessa da davidealgeri.com e con citazione esplicita della fonte. E’ consentita la riproduzione solo parziale su forum, pagine o blog solo se accompagnata da link all’originale della fonte. E’ altresì vietato utilizzare i materiali presenti nel sito per scopi commerciali di qualunque tipo.


Come ti senti dopo aver letto questo articolo?

0% 0% 0% 0% 0%

Contatta lo psicologo

Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, secondo la normativa vigente sulla Privacy D.Lgs. 196/2003.


HAI BISOGNO DI UNO PSICOLOGO NELLA TUA ZONA? CERCALO NELLA RETE DI PSICOLOGI


ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Iscriviti per ricevere future notifiche di nuovi corsi o contenuti da leggere. 🙂
Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, secondo la normativa vigente sulla Privacy D.Lgs. 196/2003.
Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *