paura-imprevisto
Hai paura dell’imprevisto?
18 ottobre 2011
Hikikomori e adolescenza
Adolescenti Hikikomori: vittime della rete o scelta di vita?
28 ottobre 2011
Tutte le categorie

Alzheimer: il conversazionalismo (parte II)

Tempo di lettura: 2 minuti

demenza-di-alzheimerLe parole che noi ci scambiamo hanno un significato, quindi è attraverso il significato delle parole che con il linguaggio verbale noi riusciamo a trasmettere dei messaggi; ma questo non è tutto…” (Vigorelli P.)1.

Punto di partenza del conversazionalismo è la constatazione di un fatto peculiare: nel soggetto colpito da Alzheimer la competenza conversazionale, viene mantenuta, anche in fasi piuttosto avanzate della patologia. Più precisamente l’approccio parte dal presupposto che la conversazione svolga due funzioni: una funzione comunicativa legata al significato delle parole e una conversazionale che è invece possibile vedere da due punti di vista differenti; uno è il punto di vista del significato delle parole scambiate, il livello prettamente relazionale, l’altro è il semplice orientarsi al fatto che nel momento in cui si parla emergono parole e come in una catena, parola chiama parola.

Con l’avvento della malattia di Alzheimer il soggetto subisce una riduzione, una compromissione della competenza comunicativa (Vigorelli P., 2004). Il malato, pertanto, che ha perso il significato delle parole, che non è in grado di condividere il significato che una particolare parola possiede nella sua mente con ciò che è il significato comune, conserva la capacità conversazionale.

“Le persone colpite da demenza sono spesso viste  come persone “limitate” dal momento che non riescono a trovare le parole adeguate per esprimersi. Questo non toglie che possano benissimo avere il desiderio di trasmetterci qualche cosa. Ecco perché è importante essere in ascolto attivo del loro sentire e cercare di comprendere quello che cercano di comunicarci. Ascoltarli esige da parte nostra coinvolgimento, presenza e volontà di identificarsi con i problemi dell’altro. Ascoltare in modo attivo significa esprimere un sincero interesse per l’altro, riconoscere l’importanza dei suoi sentimenti e rispettarli” (Bruce E., Hodgson S., Schweitzer P., 2003).

Obiettivo peculiare del conversazionalismo consiste nel potenziare e rendere viva la conversazione, indipendentemente dal livello di compromissione cognitiva che va a ledere l’aspetto comunicativo, procedendo, paradossalmente, all’interno di una “conversazione senza comunicazione” (Lai G., 2000a). Ciò porta con sé il vantaggio di potersi accostare in maniera spontanea, partendo dalle parole del paziente stesso, all’esperienza della malattia di Alzheimer, con benefici ed una sensazione di benessere per il paziente, gli operatori ed i familiari.

L’approccio conversazionale è stato pensato in modo tale da rendere l’utilizzo dei suoi principi e delle sue tecniche accessibile e fruibile sia per gli operatori che per i familiari.

Bibliografia

  • Bruce E., Hodgson S., Schweitzer P., I ricordi che curano. Pratiche di reminiscenza nella malattia di Alzheimer, Raffaello Cortina, Milano, 2003.
  • Lai G., “Malattia di Alzheimer e conversazionalismo”, in Terapia Familiare, n° 63, 2000a.
Alzheimer: il conversazionalismo (parte II)
Valuta questo articolo
Dr.ssa Simona Lauri

Dr.ssa Simona Lauri

Psicologa Psicoterapeuta e Coach Alimentare
Esperta nel trattamento di Obesità e Disturbi Alimentari
Esercita la libera professione a Milano dove offre consulenza psicologica e psicoterapia breve strategica e interventi di mental training per sportivi.
Dr.ssa Simona Lauri

Articoli recenti di Dr.ssa Simona Lauri (guarda tutto)


_____________________________________________________

© RIPRODUZIONE RISERVATA, COPYRIGHT www.davidealgeri.com. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

E’ vietata la copia e la pubblicazione, anche parziale, del materiale su altri siti internet e / o su qualunque altro mezzo se non a fronte di esplicita autorizzazione concessa da davidealgeri.com e con citazione esplicita della fonte. E’ consentita la riproduzione solo parziale su forum, pagine o blog solo se accompagnata da link all’originale della fonte. E’ altresì vietato utilizzare i materiali presenti nel sito per scopi commerciali di qualunque tipo.


Che emozione hai provato dopo aver letto questo articolo?

0% 0% 0% 0% 0%

Contatta lo psicologo

Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 del Regolamento Europeo n. 2016/679.


HAI BISOGNO DI UNO PSICOLOGO NELLA TUA ZONA? CERCALO NELLA RETE DI PSICOLOGI

Commenta

Dr.ssa Simona Lauri
Dr.ssa Simona Lauri
Psicologa Psicoterapeuta e Coach Alimentare Esperta nel trattamento di Obesità e Disturbi Alimentari Esercita la libera professione a Milano dove offre consulenza psicologica e psicoterapia breve strategica e interventi di mental training per sportivi.