dolore cronico
Dolore cronico: l’esperienza, la terapia e il trattamento
26 luglio 2011
Quanto costa una prestazione psicologica?
6 agosto 2011
Tutte le categorie

Alzheimer: la musicoterapia

Tempo di lettura: 2 minuti

demenza-di-alzheimerAccanto all’arteterapia esistono numerose tipologie di intervento riabilitativo orientate alla stimolazione della creatività e al cambiamento o alla riduzione o estinzione dei comportamenti abnormi presenti nella Demenza di Alzheimer. In questo articolo e nei prossimi verranno presi in esami alcuni tra i più importanti interventi collocati in questa direzione. Iniziamo con la musicoterapia.

La musicoterapia, svolta secondo modalità individuali o di gruppo è rivolta a pazienti con un livello di deterioramento di grado moderato-severo con problemi del comportamento o deficit linguistici. In presenza di ridotte, limitate o assenti capacità linguistiche, infatti, il linguaggio sonoro-musicale può mostrarsi come un’utile risorsa espressiva e comunicativa. Dopo avere studiato attentamente l’anamnesi e la storia clinica del paziente, compito del musicoterapeuta consiste nel porsi costantemente all’interno di una relazione specifica che parta dal paziente e dal mondo sonoro di cui egli è portatore (Castrovilli D., De Lucia F., 2003).

Sulla base di queste premesse sarà possibile strutturare il laboratorio di musicoterapia, il quale, seppur avvalendosi di diverse metodologie, si presenta principalmente di tipo ricettivo, basato, cioè sull’ascolto della musica ed orientato a varie finalità quali: rilassamento, riduzione della vocalizzazione, facilitazione dell’addormentamento e conciliazione del sonno, segnalazione di alcuni momenti della giornata, stimolazione cognitiva e della memoria (Trabucchi M., 2002). Il percorso prevede l’utilizzo di strumenti per la produzione di ritmi o suoni, ascolto di brani familiari o di melodie nuove; in questo modo sarà possibile per il conduttore, creando un clima di fiducia ed empatico, recuperare intonazioni, frasi, suoni familiari del paziente. L’ausilio della musica come mezzo che trasmette informazioni non verbali, le quali risultano conservate anche nelle fasi più avanzate della malattia di Alzheimer, combinate con l’utilizzo privilegiato di un’interazione non verbale permette di dar senso a comportamenti del paziente precedentemente incomprensibili, di potenziare l’autostima e di riattivare memoria e attenzione (Castrovilli D., De Lucia F., 2003).

Bibliografia

  • Castrovilli D., De Lucia F., Il nuovo manuale di musicoterapia, Xenia edizioni, 2003.
  • Trabucchi M., Le demenze, Utet, Milano, 2002.
Alzheimer: la musicoterapia
Valuta questo articolo
Dr.ssa Simona Lauri

Dr.ssa Simona Lauri

Psicologa Psicoterapeuta e Coach Alimentare
Esperta nel trattamento di Obesità e Disturbi Alimentari
Esercita la libera professione a Milano dove offre consulenza psicologica e psicoterapia breve strategica e interventi di mental training per sportivi.
Dr.ssa Simona Lauri

Articoli recenti di Dr.ssa Simona Lauri (guarda tutto)


_____________________________________________________

© RIPRODUZIONE RISERVATA, COPYRIGHT www.davidealgeri.com. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

E’ vietata la copia e la pubblicazione, anche parziale, del materiale su altri siti internet e / o su qualunque altro mezzo se non a fronte di esplicita autorizzazione concessa da davidealgeri.com e con citazione esplicita della fonte. E’ consentita la riproduzione solo parziale su forum, pagine o blog solo se accompagnata da link all’originale della fonte. E’ altresì vietato utilizzare i materiali presenti nel sito per scopi commerciali di qualunque tipo.


Che emozione hai provato dopo aver letto questo articolo?

0% 0% 0% 0% 0%

Contatta lo psicologo

Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 del Regolamento Europeo n. 2016/679.


HAI BISOGNO DI UNO PSICOLOGO NELLA TUA ZONA? CERCALO NELLA RETE DI PSICOLOGI

Commenta

Dr.ssa Simona Lauri
Dr.ssa Simona Lauri
Psicologa Psicoterapeuta e Coach Alimentare Esperta nel trattamento di Obesità e Disturbi Alimentari Esercita la libera professione a Milano dove offre consulenza psicologica e psicoterapia breve strategica e interventi di mental training per sportivi.