paure dei bambini
Le paure dei bambini: come superarle?
5 marzo 2013
La forza calma dell’umiltà
21 marzo 2013
Tutte le categorie

Ossessioni: di avere l’HIV, di essere gay, di aver fatto male a qualcuno

Tempo di lettura: 3 minuti

ossessioniOssessioni

Mi capita spesso di incontrare nella mia attività clinica persone che presentano ossessioni o meglio il dubbio di aver contratto il virus dell’HIV, di essere pedofili, di fare male a qualcuno, di essere gay. Spesso questi pensieri possono arrivare più volte al giorno o improvvisamente o sotto forma di immagini o parole, evocati da situazioni percepite come rischiose (una semplice stretta di mano con uno sconosciuto, la sensazione di provare eccitamento in prossimità di bambini o persone dello stesso sesso, etc). In questi casi, il dubbio di un possibile contagio, di essere omosessuali o pedofili, di aver fatto male o poter fare male a qualcuno, produce una serie di domande di fronte alle quali, il non riuscire a trovare una risposta soddisfacente crea dei forti attacchi d’ansia, che la persona cerca di sedare mettendo in atto delle “tentate soluzioni“, che piuttosto che risolvere il problema contribuiscono ad un suo peggioramento.

“Tentante soluzioni” e possibili soluzioni

Tra queste ritroviamo:

  • l’evitamento di luoghi (ospedali, luoghi affollati, parchi, etc.) o relazioni (con persone dello stesso sesso, con bambini, con persone) ritenute a “rischio” che nel peggiore dei casi, sfociano nel non avere contatti con altre persone;
  • l’utilizzo massiccio precauzioni e rituali per evitare che si presenti l’ansia o per ridurla. (Es. fare il test dell’HIV, sterilizzare ambienti, far uso di guanti, lavare posate, vestiti, masturbarsi ripetutamente con contenuti omosessuali, tornare più volte su un posto per verificare di non aver ferito o fatto male a qualcuno, etc.)
  • la ricerca compulsiva di conferme su internet (cybercondria) o il chiamare i numeri specializzati per questo tipo di problematiche.

Tutte queste “tentate soluzioni”, utilizzate una volta possono creare rassicurazione, ma se reiterate nel tempo, rischiano di trasformarsi in una trappola dalla quale la persona poi fa fatica ad uscire e di cui al tempo stesso non può più fare a meno.

Evitare infatti, se da un lato può ridurre l’angoscia, dall’altro contribuisce ad accrescere l’incapacità di affrontare quella determinata situazione che genera ossessioni e preoccupazione.

Possibile soluzione: su questo punto, bisogna quindi iniziare a pensare che più si evita, più si sta contribuendo a peggiorare.

compulsione-lavare-le-maniStessa cosa avviene con le precauzioni e per i rituali riparatori, che se da un lato alleviano dall’ansia, dall’altro creano un vincolo molto forte, come una sorta di dipendenza di cui la persona finisce per non poterne più fare a meno.

Possibile soluzione: con le precauzioni e i rituali, è opportuno introdurre dei piccoli rischi o violazioni, proprio per non creare la dipendenza.

L’ultima tentata soluzione, consiste nel cercare risposte certe o comunque conferme chiedendo a specialisti, cercando via internet o chiamando operatori specializzati, se in un primo momento può creare rassicurazione, in realtà alla fine non offre risposte che durano nel tempo, infatti se dopo poco tempo, dovesse ripresentarsi lo stesso problema, nonostante la rassicurazione precedente l’ansia riaffiorerebbe. Anche in questo caso, il cercare conferme, se da un lato contribuisce ad alleviare l’ansia e a ridurre l’ossessione, dall’altro genera una dipendenza dal comportamento contribuendo ad aggravare il disturbo.

Possibile soluzione: cercare di circoscrivere il tempo impiegato per ricercare conferme in uno spazio giornaliero.

Ossessioni: di avere l’HIV, di essere gay, di aver fatto male a qualcuno
Valuta questo articolo

Dott. Davide Algeri

Psicologo, Psicoterapeuta, Consulente sessuale e Coach presso Psicologia Pratica: La psicologia del cambiamento concreto
Psicologo, Psicoterapeuta, Consulente sessuale e Coach
Aiuto le persone a trovare semplici soluzioni pratiche a problemi complessi.

Articoli recenti di Dott. Davide Algeri (guarda tutto)


_____________________________________________________

© RIPRODUZIONE RISERVATA, COPYRIGHT www.davidealgeri.com. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

E’ vietata la copia e la pubblicazione, anche parziale, del materiale su altri siti internet e / o su qualunque altro mezzo se non a fronte di esplicita autorizzazione concessa da davidealgeri.com e con citazione esplicita della fonte. E’ consentita la riproduzione solo parziale su forum, pagine o blog solo se accompagnata da link all’originale della fonte. E’ altresì vietato utilizzare i materiali presenti nel sito per scopi commerciali di qualunque tipo.


Che emozione hai provato dopo aver letto questo articolo?

0% 0% 0% 0% 0%

Contatta lo psicologo

Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 del Regolamento Europeo n. 2016/679.


HAI BISOGNO DI UNO PSICOLOGO NELLA TUA ZONA? CERCALO NELLA RETE DI PSICOLOGI

Commenta

Dott. Davide Algeri
Dott. Davide Algeri
Psicologo, Psicoterapeuta, Consulente sessuale e Coach Aiuto le persone a trovare semplici soluzioni pratiche a problemi complessi.