Come sviluppare un pensiero negativo (Psicologia Paradossale)
9 ottobre 2014
Infanzia paranoidea
14 ottobre 2014
Tutte le ctegorie

Fobie e paure nel bambino: come si sviluppano e come trattarle

Tempo di lettura: 3 minuti

paure nel bambinoLe paure nel bambino

Tutti i bambini, prima o poi, in varie fasi della loro crescita, sviluppano qualche paura: il buio, i mostri, l’altezza, i rumori forti, i fulmini. Vivere delle paure è per i bambini un fattore importante per la maturazione psichica, per lo sviluppo della personalità e per imparare a risolvere piccoli e grandi problemi legati allo crescita in modo adattivo.

La paura è un’emozione che deriva da una valutazione cognitiva della situazione che si sta vivendo e ha la funzione di segnalare la presenza di uno stimolo in grado di generare una situazione di emergenza e mette in allarme tutto il corpo. I bambini rispetto alle loro paure possono rispondere in modo differente, ad esempio possono parlarne in modo esplicito, lamentarsi frequentemente e intensamente, oppure cercare di mascherarle perchè si vergognano.

Quando una paura persiste e quando interferisce con le attività quotidiane si parla di fobia. Le fobie sono paure ingiustificate rivolte a un oggetto o una situazione, il contatto con i quali determina nelle persone un’intensa reazione d’angoscia. La fobia si costituisce quando la paura invade l’Io del bambino, ostacolando le sue capacità adattive ed evolutive. Il bambino si sente inibito, non in grado di reagire alla situazione e non riesce a trovare nell’ambiente un valido aiuto per superare questa intensa paura.

Differenti paure nel bambino

E’ possibile distinguere due grandi categorie di fobie:

  • fobie specifiche, ad esempio fobie da oggetti, animali o situazioni circoscritte e ben identificabili (come il buio, i luoghi chiusi, i trasporti pubblici).
  • fobie sociali, sono provocate dall’esposizione a certi tipi di situazioni o di prestazioni sociali, che spesso determinano condotte di evitamento, ad esempio rifiutarsi di parlare in classe, di leggere davanti agli altri, avere gravi difficoltà a partecipare ad attività sociali o corali come feste, giochi, sport. Sono tipiche dell’adolescenza e insorgono, in genere, tra gli 11 e i 18 anni.
Lettura di approfondimento:  Sindrome di Pinocchio: come fare quando un bambini dice le bugie

La maggior parte delle paure dei bambini possono definirsi fisiologiche e transitorie perché svolgono una funzione di allarme, quando, però, hanno dimensioni e intensità tali da impedire una vita normale assumono un carattere patologico, diventando un ostacolo alla maturazione del bambino e intralciandone lo sviluppo.

Come si sviluppano le paure nel bambino

L’evoluzione di una paura verso una fobia dipende dall’organizzazione cognitiva del bambino, dalle risposte fornite dagli adulti e dagli eventi esterni. In momenti di crisi o di particolare stress, sia a casa che a scuola, le paure possono intensificarsi o riattualizzarsi, ad esempio, il cambiamento di scuola, la nascita di un fratellino, il trasferimento in una nuova città, possono comportare l’emergere di nuove paure o il ripresentarsi di paure superate.  I sintomi più tipici possono essere crisi di pianto, scoppi di ira, irrigidimento, o aggrapparsi a qualcuno.

Lo sviluppo e l’evoluzione delle fobie nei bambini sono strettamente legati anche all’ambiente familiare. Esse si vengono a creare principalmente attraverso due meccanismi: il modeling e l’evento traumatico. Il modeling fa riferimento al meccanismo di imitazione del comportamento degli adulti di riferimento, quando ad esempio i genitori terrorizzati da qualcosa trasmetteranno, con ogni probabilità, al bambino una modalità di risposta molto angosciante. La seconda origine delle fobie infantili è l’aver subito un evento traumatico, cioè una situazione che ha scatenato una violenta reazione emotiva.

Come trattare le fobie nel bambino

E’ importante rivolgersi ad uno psicologo professionista in caso di dubbi o nel caso in cui le paure del bambino siano intense o durature, in quanto ostacolano le sue capacità di interagire con l’ambiente ed interferiscono in modo negativo nel processo evolutivo sia cognitivo che affettivo-relazionale.

Lettura di approfondimento:  Giovani e denaro: istruzioni per l'uso

Se non si interviene precocemente i comportamenti fobici possono fissarsi fino all’adolescenza e oltre, assumendo una forma patologica.

Approfondimenti

  • Schachter, R.  (1990). Paure normali e fobie nel bambino: impara a conoscere le paure di tuo figlio dalla nascita all’adolescenza e aiutalo a superarle, Ferro.
Fobie e paure nel bambino: come si sviluppano e come trattarle
Dai un voto a questo articolo

Se ti è piaciuto questo post, aiutami a condividerlo sui Social Network!


_____________________________________________________

© Copyright, www.davidealgeri.com – Tutti i diritti riservati. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

E’ vietata la copia e la pubblicazione, anche parziale, del materiale su altri siti internet e / o su qualunque altro mezzo se non a fronte di esplicita autorizzazione concessa da davidealgeri.com e con citazione esplicita della fonte. E’ consentita la riproduzione solo parziale su forum, pagine o blog solo se accompagnata da link all’originale della fonte. E’ altresì vietato utilizzare i materiali presenti nel sito per scopi commerciali di qualunque tipo.


Come ti senti dopo aver letto questo articolo?

0% 0% 0% 0% 0%

Contatta lo psicologo

Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, secondo la normativa vigente sulla Privacy D.Lgs. 196/2003.


HAI BISOGNO DI UNO PSICOLOGO NELLA TUA ZONA? CERCALO NELLA RETE DI PSICOLOGI


ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Iscriviti per ricevere future notifiche di nuovi corsi o contenuti da leggere. 🙂
Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, secondo la normativa vigente sulla Privacy D.Lgs. 196/2003.
Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *