personaggi famosi e vip
Psicologia dei personaggi famosi: effetti psicologici del successo e dipendenza dalla fama
25 maggio 2017
sicurezza informatica e cyber-security
Sicurezza Informatica: quali sono i fattori umani nella Cyber-security?
11 giugno 2017
Tutte le categorie

Psicologia della bellezza: vantaggi e svantaggi di esser belli

bellezza naturale
Tempo di lettura: 10 minuti

bellezza naturaleIl concetto di bellezza

Nell’antica Grecia, Elena di Troia, una figura della mitologia greca, era considerata l’icona della bellezza.

Era celebrata non per la sua gentilezza o per il suo intelletto, ma per la sua perfezione fisica. Ma perché gli uomini greci trovavano Elena così inebriante?

Ci furono molti filosofi che cercarono di dare una risposta a questo.

Alcuni definirono le cosiddette “proporzioni auree”, dove vi sono delle proporzioni nelle varie parti del viso che lo rendono bello.

Plotino, filosofo greco,invece scrisse: “Tutti affermano che la bellezza visibile nasce dalla simmetria delle parti, l’una in rapporto all’altra, e ciascuna in rapporto all’insieme; dunque la bellezza di tutti gli esseri è la loro simmetria e la loro misura”.

Quindi, successivamente, nacque la credenza che la simmetria del viso fosse una caratteristica fondamentale per rientrare nei canoni della bellezza.

Oggi non si parla più di proporzioni, ma piuttosto di una somiglianza reciproca tra il lato dx e sx del volto.

Quindi, la credenza dei greci era solo in parte corretta.

Oggi, applicando le severe condizioni del metodo scientifico, i ricercatori credono che la simmetria sia la vera risposta che i Greci cercavano.

In uno studio recente , si era mostrato ad un gruppo di bambini una serie di immagini di persone con visi simmetrici e con visi asimmetrici. Quello che ne risultò è che i bambini passavano più tempo a fissare le immagini di individui simmetrici rispetto ai secondi.

La bellezza è utile per l’evoluzione della specie?

Gli studiosi ritengono che la preferenza per la simmetria è un tratto altamente evolutivo presente anche nel mondo animale. Ad esempio, le femmine di rondini preferiscono i maschi con code più lunghe, ma simmetriche, e le zebre si accoppiano con maggiore frequenza con il maschio che ha le strisce nelle gambe posizionate simmetricamente.

La logica dietro la preferenza di simmetria sia negli esseri umani che negli animali è che, secondo i ricercatori , la simmetria sia equiparata ad un sistema immunitario forte.

Così, la bellezza data dalla simmetria è indicativa di geni più resistenti, migliorando la probabilità che la prole di un individuo sopravviva in condizioni sfavorevoli rispetto a specie che non rispettano tali caratteristiche.

Questa teoria evoluzionistica è sostenuta dalla ricerca che dimostra che gli standard di attrattività sono simili in tutte le culture.

Un’ulteriore conferma, è emersa, secondo uno studio dell’Università di Louisville, quando mostravano immagini di diversi individui, tra cui asiatici, latini e bianchi di 13 paesi diversi, e tutti avevano le stesse preferenze generali nel valutare attraenti i volti simmetrici.

Quanto conta la bellezza?

Quando si fanno nuove conoscenze, è risulta fondamentale la prima impressione, l’aspetto fisico e soprattutto il volto.

Solo in un secondo momento, caratteristiche come la personalità, l’intelligenza e il carattere iniziano a prendere importanza, significato.

Secondo uno studio dell’economista Daniel Hamermesh, raccogliendo dati provenienti da diversi paesi e culture, ha scoperto che la bellezza, oltre a facilitare le relazioni, è anche legata al successo. (Approfondisci il tema della psicologia dei personaggi famosi)

Le aziende, imprese, che hanno assunto, secondo questo studio, persone molto attraenti, oltre ad avere competenze appropriate, hanno avuto, in media, maggiori ricavi economici rispetto a società simili che non avevano assunto personale con criteri basati anche sull’aspetto fisico.

In conclusione, questo studio, riferisce che il pubblico ricompensa maggiormente le imprese dove vi siano bei volti.

Le aspettative del bello

Uno studio recente afferma che chi è bello, nasconde una vena egoistica.

Consapevolmente – o inconsciamente – usa la bellezza a proprio vantaggio in qualsiasi modo possibile.

Avere un bell’aspetto, soprattutto per la donna, fa ricevere gentilezze, attenzioni, favoritismi nella vita quotidiana.

Questo comporta ad avere “pretese” da parte degli altri.

Inizia ad aspettarsi che gli altri facciano sempre favori e che tutto sia dovuto, una specie di “sindrome della principessa”.

Si è al centro dell’attenzione e tutti gli altri sono di scarsa importanza.

La bellezza fisica, al giorno d’oggi, è ritenuta come una “fortuna” e chi la possiede è considerato dai “meno belli” come l’equivalente vincitore della “lotteria genetica”.

Nella società, le persone attraenti tendono ad essere percepite inizialmente come più intelligenti, meglio adeguate e più popolari.

Questo è stato descritto come l’effetto aureola – derivata dalla perfezione di bellezza associata agli angeli.

La bellezza e l’effetto alone

La bellezza genera negli altri il cosiddetto “effetto alone”: quando qualcuno ci fa una buona prima impressione, siamo portati a credere che anche altri tratti, caratteristiche di quella persona, che non conosciamo, siano altrettanto buoni.

Lettura di approfondimento:  Potenziare l’autostima dei bambini: 5 consigli per i genitori

Potremmo riassumere: “ciò che è bello deve essere anche buono”.

Analizzando per decenni i risultati di vari studi sulla bellezza, le psicologhe sociali, Lisa Slattery Walker e Tonya Frevert dell’Università del North Carolina, hanno trovato una gran quantità di ricerche che dimostrano che gli studenti più belli, universitari e non, tendono a essere giudicati dagli insegnanti come più competenti e intelligenti – e ciò è stato possibile verificarlo in base ai voti che venivano dati.

Questo, secondo Frevert, porta questi soggetti ad avere un’alta autostima, convinzioni di sé positive e quindi ad avere più opportunità e possibilità per dimostrare le proprie competenze.

Sul posto di lavoro, la bellezza del viso, può davvero essere una buona carta da sfruttare.

A parità di tutto il resto, le persone belle tendono a percepire stipendi più alti e a salire più in alto, in azienda, rispetto alle persone considerate meno attraenti.

Uno studio (inglese) ha rilevato una differenza dal 10 al 15% nei guadagni fra le persone più belle e meno belle di un gruppo, che si traduceva in una differenza di circa 230.000 $ (224.000 euro) sull’arco di tutta la vita.

La bellezza offre vantaggi dai banchi di scuola al lavoro ” commenta Walker.

Ma essere belli porta solo vantaggi?

Come sappiamo bene, “non tutto ciò che luccica è oro”.

Se la bellezza paga nella maggior parte delle circostanze, ci sono anche situazioni dove potrebbe essere un problema.

L’essere belli e il cercare di mantenersi di bell’aspetto agli occhi degli altri, può, come si è visto in molti casi di personaggi dello spettacolo, a confinare in una vera e propria ossessione.

Contrariamente a quanto si possa pensare, la scarsa autostima è più comune nelle donne particolarmente belle rispetto alle donne ritenute “di bellezza comune”.

Vi sono varie tipologie di donne belle: quella che non si vede né attraente nè bella, e diffida dei complimenti ricevuti credendo di essere circondata da persone false e quindi a non fidarsi di nessuno.

Oppure ci sono quelle che sono belle, ma molto timide, e per proteggersi da costanti attenzioni, tendono a isolarsi.

Purtroppo, però, questo atteggiamento, potrebbe farle apparire come snob, arroganti, superficiali.

Spesso, però, approfondendo la conoscenza, si può scoprire che sono persone gentili, simpatiche, solo un po’ timide e riservate.

Il rifiuto del bello

Probabilmente una delle conseguenze più difficili che una bella donna deve affrontare è il rifiuto sociale.

La bellezza degli altri può generare paure, insicurezze nelle persone di bellezza comune.

Quando si tratta di membri del proprio sesso, la donna/l’uomo di particolare bellezza, spesso viene emarginata.

Come è elencato nella Top Ten di quali sono i fattori che rendono una donna bella vista come “una minaccia” da altre donne, al primo posto, vi è proprio la bellezza.

Molte donne percepiscono la bellezza di un’altra donna come una minaccia per rubare loro il proprio compagno. (Scopri i 7 modi per superare la gelosia)

Non fidandosi del proprio partner, quando si è in presenza di una bella donna, preferiscono semplicemente rifiutarla, allontanandola dalla possibilità che diventi amica, conoscente.

Nel frattempo gli uomini, invece, pensano “ma che possibilità ho io con una tale bellezza? Può avere qualsiasi uomo che desidera, che abbia soldi, successo e di bella presenza…” e questo li porta ad essere intimiditi e a restare a guardare da lontano piuttosto che tentare un approccio per conoscerla.

Un altro studio ha dimostrato che essere belli ha effetti anche sul proprio conto bancario, e non solo in positivo.

Le donne e uomini particolarmente belli spendono circa un terzo del proprio stipendio per prodotti di bellezza e cura della persona, oltre che per diete, chirurgia estetica , palestra ecc….

Questa ossessione di doversi mantenere belli a tutti i costi è maggiormente avvalorata dalle fotografie che compaiono sulle varie riviste, creando ancor più pressione.

Paradossalmente, il concentrarsi troppo sul proprio aspetto fisico e su ideali astratti di bellezza possa essere svantaggioso, alimentando inutilmente ansia e insicurezze, anche in coloro che sono già belli!

Concentrarsi troppo sull’apparire attraenti può alterare i rapporti con gli altri.

Salute e bellezza

Un altro aspetto preoccupante è che la bellezza esteriore può arrivare a pregiudicare le cure mediche.

Infatti, da una recente ricerca è emerso, che si tende ad associare la bellezza ad un buono stato di salute.

Ciò significa che spesso il manifestarsi di sintomi di malattie vengono prese meno sul serio quando appartengono a persone di particolare bellezza.

I medici tendono ad essere meno scrupolosi quando visitano qualcuno di bell’aspetto.

Quindi, essere bello non è un “passaporto per la felicità”, anche se, non si può negare, aiuta. Nessuna bellezza può compensare una mancanza di personalità.

Lettura di approfondimento:  Abbattiamo i pregiudizi

La bellezza, quindi, ha i sui lati positivi e negativi.

La vera domanda è: cosa determina esattamente che la bellezza porti a felicità o al suo “lato oscuro”?

La risposta è abbastanza semplice.

La bellezza è una qualità positiva, proprio come la forza fisica, il carisma, l’intelligenza …..

La chiave, come qualsiasi dono che si ha, è nel modo in cui lo si utilizza.

La bellezza non ti definisce come persona. Piuttosto, è una qualità da considerare come solo una piccola parte di chi si è.

Elliot Aronson, uno psicologo sociale dell’Università di Stanford suggerisce che, le persone che si sentono attraenti – anche se non necessariamente classificate come tali – sono altrettanto vincenti quanto le persone che sono oggettivamente considerate belle, ottenendo lo stesso tipo di feedback dalle altre persone.

E tu come ti vedi, ti senti, bello o brutto?

Cosa pensi di te quando ti guardi allo specchio? Quanto influisce sul tuo essere e le tue relazione, il non sentirti bello, attraente, affascinante?

Le giovani donne, oggi vedono più immagini di donne eccezionalmente belle in un giorno che le nostre madri hanno visto in tutti i loro anni di gioventù.

Non c’è da stupirsi che 8 su 10 donne sono insoddisfatte del proprio aspetto.

Gli standard di bellezza femminile sono diventati progressivamente più irrealistici e irraggiungibili. Abbiamo bisogno di parrucchieri a tempo pieno, make-up artist, personal trainer e dietologi per tentare di tenere il passo.

La verità è che la maggior parte di noi non è “bella” come definiscono gli attuali standard mediatici della bellezza.

Anche i modelli e le attrici, quando vengono fotografati in situazioni di vita quotidiana, non sono poi così perfetti.

Anche se si sa che questo standard di bellezza è irrealistico e irraggiungibile da poter raggiungere, la maggior parte di noi spende molto tempo, energia emotiva e denaro per cercare di ottenere una bellezza che rispetti determinati canoni.

Come fare per sentirsi belli?

Non tutti nascono con il gene della bellezza, ma ci sono degli accorgimenti per potersi sentire belli e di conseguenza, apparire belli agli altri.

Se non siamo prima noi a piacerci e a sentirci affascinanti, con maggiore difficoltà riusciremo a trasmetter questo ai nostri interlocutori.

Qui sono elencati alcuni modi per iniziare a sentirsi belli e di conseguenza, a far si che gli altri ci vedano belli:

  • Sorridi spesso. Un sorriso illumina il viso. Innesca felicità e trasmette solarità agli altri.
  • Ricorda la postura: Schiena dritta. Testa alta. Avere una postura che faccia sembrare che si è sicuri, energici.
  • Poni l’attenzione sui punti di forza e non sui difetti. Smettere di fissarsi o di concentrarsi ostinatamente su alcune rughe, sui fianchi un po’ larghi ecc., ma valorizzare piuttosto le proprie qualità, perché si hanno caratteristiche più belle che brutte.
  • Apprezza i tuoi difetti. Ognuno di noi ha difetti, nessuno ne è esente, quindi osservali, accettali e quello stesso difetto potrebbe diventare il tuo punto di forza.
  • Sii espressivo, comunicativo. Le espressioni del viso, naturali, non fanno altro che esternare lo splendore che si ha dentro.
  • Non avere paura di mostrarti entusiasta quando qualcosa vi rende felice, esternatelo anche con il corpo.
  • Pratica uno sport ( nuoto, tai chi, danza, yoga…) o semplicemente fai una bella passeggiata tutti i giorni. L’esercizio fisico rilascia endorfine e serotonina che migliorano l’umore.
  • Riconosci la tua bellezza interiore. Prendi carta e penna e scrivi tutte le doti che possiedi, tutto ciò che hai di bello… Non trovi nulla? Guarda meglio e ti stupirai di quanta bellezza porti con te e potresti trasmettere agli altri.
  • Mostra gentilezza. Una persona gentile conquista tutti. Essa risplende e dona emozioni positive.
  • Non esagerare con trucco o vestiti troppo appariscenti. Non ne hai bisogno. Sei già bello così, devi solo scoprirlo e riconoscerlo.
  • Non basarti sugli anni che passano. La tua età non definisce la tua bellezza. Ogni anno che passa ti dona un anno di bellezza in più, non in meno come erroneamente la maggior parte di noi crede.
  • Dedicati ad una tua passione, creando qualcosa. Creare porta a generare energia interiore positiva.
  • Stop ai pensieri negativi che hai su te stesso. Quando arrivano, guardali e indirizzali verso pensieri costruttivi.

L’influenza dei pensieri negativi e positivi sulla bellezza

I nostri pensieri negativi ci “imbruttiscono”. Se pensiamo di essere brutti, la nostra mente si convincerà di questo.

Quando arriva un pensiero negativo, contrassegnarlo come tale. Esempio: “Il naso è orribile”. Dì a te stesso: “Ho un pensiero negativo che il mio naso è orribile”. Ricordati, tu non sei il tuo pensiero negativo. Sostituiscilo con un pensiero positivo, e arriverai a credere che sia proprio così.

Lettura di approfondimento:  Psicologia Ambientale: quanto conta la bellezza di un ambiente?
  • Ascolta bella musica. Certa musica parla all’anima. Ravviva le parti più spirituali e belle di noi stessi.
  • Indossa abiti che ti fanno sentire a tuo agio. Non ha senso indossare gonne o tacchi a spillo se poi ti senti inappropriato, a disagio.
  • Non privarti dal dormire. La mancanza di sonno , le ore piccole , stressano il nostro fisico. L’organismo necessita di un buon sonno per essere rilassato e rigenerato.
  • Rivaluta il tuo make-up. Un nuovo look può evidenziare, valorizzare le tue caratteristiche più belle.
  • Evita di fumare, o almeno inizialmente, limita il numero di sigarette. Il fumo invecchia la pelle, il colore è spento, si emana un brutto odore . Eliminare o ridurre almeno in parte questa brutta abitudine ti permetterà di sentirvi meglio e di conseguenza di piacerti.
  • Prenditi cura della salute dei tuoi denti. Almeno una volta all’anno segna sulla tua agenda di andare a fare un controllo dal dentista, e perché no, fare una pulizia dentale. Questo ti porterà a sorridere ancora con più facilità.
  • Crea bellezza nel tuo habitat: Pulizia, ordine, fiori freschi rendono l’ambiente in cui vivi confortevole, sano e piacevole.
  • Preparati un buon pranzo/cena. La cura per sè arriva anche durante i pasti. Un buon piatto preparato con la giusta calma e pensato , dona piacevolezza oltre che al palato, anche all’anima.
  • Riduci lo stress accumulato. Trova la causa del tuo stress e fai qualcosa per alleviarlo.
  • Non giudicare le altre persone. Ogni volta che pensi negativo di qualcuno, questi pensieri negativi influenzeranno te, ed in modo negativo. Quindi cerca di vedere le cose positive degli altri, e questo si rifletterà su te stesso.
  • Non paragonarti agli altri. Questo farà perdere fiducia in te stesso.
  • Prenditi una parte del giorno, anche minima, dove fai una cosa solo per te, che ti crea piacere. E una volta al mese prenderti una giornata intera dove ti stacchi dalla solita routine, facendo solo cose piacevoli e serene. Il tuo corpo e la tua mente ne trarranno grande giovamento.
  • Impara a meditare. La meditazione può aiutare a riconquistare, riprendere il possesso della tua mente lasciando andare via i pensieri negativi.
  • Circondati di persone “belle interiormente” che ti vogliono bene.
  • Fai qualcosa per gli altri – questo ti farà sentire meglio.
  • Poniti degli obiettivi fattibili e realizzali. Quando si porta a termine un obiettivo prefissato, la propria autostima cresce.
  • Guardarti allo specchio, la mattina appena alzato, lavati il viso, sorridi e ripetiti “Sono bello, sono attraente, mi piaccio”. Questo porterà a creare in te emozioni positive fino al punto che ti vedrai con occhi diversi e comincerai ad apprezzarti.

Vuoi imparare a vivere con più serenità il rapporto con il tuo corpo?

CLICCA SULL’IMMAGINE PER ISCRIVERTI GRATUITAMENTE

 

io mi piaccio

Approfondimenti

Psicologia della bellezza: vantaggi e svantaggi di esser belli
5 (100%) 1 vote

Se ti è piaciuto questo post, aiutami a condividerlo sui Social Network!

Dott. Davide Algeri

Psicologo, Psicoterapeuta, Consulente sessuale e Coach presso Psicologia Pratica: La psicologia del cambiamento concreto
Psicologo, Psicoterapeuta, Consulente sessuale e Coach
Aiuto le persone a trovare semplici soluzioni pratiche a problemi complessi.

Articoli recenti di Dott. Davide Algeri (guarda tutto)


_____________________________________________________

© RIPRODUZIONE RISERVATA, COPYRIGHT www.davidealgeri.com. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

E’ vietata la copia e la pubblicazione, anche parziale, del materiale su altri siti internet e / o su qualunque altro mezzo se non a fronte di esplicita autorizzazione concessa da davidealgeri.com e con citazione esplicita della fonte. E’ consentita la riproduzione solo parziale su forum, pagine o blog solo se accompagnata da link all’originale della fonte. E’ altresì vietato utilizzare i materiali presenti nel sito per scopi commerciali di qualunque tipo.


Che emozione hai provato dopo aver letto questo articolo?

0% 0% 0% 0% 0%

Contatta lo psicologo

Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, secondo la normativa vigente sulla Privacy D.Lgs. 196/2003.


HAI BISOGNO DI UNO PSICOLOGO NELLA TUA ZONA? CERCALO NELLA RETE DI PSICOLOGI

Commenta

Dott. Davide Algeri
Dott. Davide Algeri
Psicologo, Psicoterapeuta, Consulente sessuale e Coach Aiuto le persone a trovare semplici soluzioni pratiche a problemi complessi.