Decluttering: un modo per creare spazio fisico e mentale
17 gennaio 2012
comunicazione efficace nella coppia
Comunicazione efficace nella coppia: il dialogo di successo
24 gennaio 2012
Tutte le categorie

I disegni dei bambini

disegno dei bambini
Tempo di lettura: 2 minuti

disegno dei bambini“Mi disegni per favore una pecora?” sono le prime parole che il Piccolo Principe rivolge all’aviatore incontrato in mezzo al deserto; mentre non sembra soddisfatto dei disegni che l’adulto gli propone, è felice quando si trova davanti lo schizzo di una cassetta e la spiegazione che la pecora sta dentro: osservando il disegno da vicino sorridendo commenta che ora la pecora si sia addormentata.

Il disegno è uno straordinario strumento comunicativo nel rapporto con i bambini, i quali vi mettono i propri significati e i propri contenuti, che spesso non appaiono evidenti ad un primo sguardo ma emergono ad un livello più profondo. Il disegno diventa quindi oggetto di condivisione e veicolo di significati anche nel contesto psicologico, dove il clinico utilizza proprio le produzioni dei bambini per comprenderne e avvicinarne il mondo interno.

Il modo in cui un bambino disegna è influenzato sicuramente dalla sua età, dal suo livello di sviluppo e di maturazione e quindi da aspetti cognitivi e di organizzazione motoria dei gesti per produrre segni su un foglio, ma è anche largamente orientato dai suoi stati affettivi, dalla sua personalità in formazione e dai suoi legami relazionali; il materiale prodotto diventa quindi una sorta di proiezione del mondo interiore del bambino e come tale può essere interpretata da parte del clinico. Il disegno diventa così uno dei metodi più utilizzati a livello clinico nella relazione con i piccoli, sia perché veicolo di comunicazione vicino alla loro esperienza al pari del gioco, sia perché ricco di significati che possono essere esplorati insieme al bambino stesso.

Il disegno viene così a far parte della gamma di test definiti proiettivi, in quanto in essi la persona proietta aspetti di sé che vanno al di là del materiale oggettivamente osservabile; il bambino che disegna la propria famiglia, ad esempio, spesso introduce variazioni nella presenza o assenza di personaggi, nella loro maggiore o minore caratterizzazione, nella loro reciproca posizione e dimensione, e da questi elementi si possono trarre utili spunti per orientare la riflessione clinica o comprendere una problematica ad esempio nella relazione con un membro della famiglia.

Vi sono quindi disegni, definiti tematici, che cercano di approfondire alcuni specifici aspetti della vita, della personalità e delle relazioni del bambino; nell’accostarsi a queste produzioni è importante però mantenere la cautela nel non considerare il disegno (e soprattutto un unico disegno) come sicura prova dell’esistenza di una problematica e ricordare che ciascuna interpretazione rimane un possibile vertice di osservazione ma non l’unico da cui guardare alla situazione.

Approfondimenti

I disegni dei bambini
Valuta questo articolo

_____________________________________________________

© RIPRODUZIONE RISERVATA, COPYRIGHT www.davidealgeri.com. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

E’ vietata la copia e la pubblicazione, anche parziale, del materiale su altri siti internet e / o su qualunque altro mezzo se non a fronte di esplicita autorizzazione concessa da davidealgeri.com e con citazione esplicita della fonte. E’ consentita la riproduzione solo parziale su forum, pagine o blog solo se accompagnata da link all’originale della fonte. E’ altresì vietato utilizzare i materiali presenti nel sito per scopi commerciali di qualunque tipo.


Che emozione hai provato dopo aver letto questo articolo?

0% 0% 0% 0% 0%

Contatta lo psicologo

Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 del Regolamento Europeo n. 2016/679.


HAI BISOGNO DI UNO PSICOLOGO NELLA TUA ZONA? CERCALO NELLA RETE DI PSICOLOGI

Commenta