Bullismo al femminile
Bullismo al femminile: come riconoscerlo e come intervenire
22 novembre 2013
EMDR: una tecnica utile per l’elaborazione del trauma
28 novembre 2013
Tutte le categorie

Sei ipersensibile?

Tempo di lettura: 3 minuti

IpersensibileEssere ipersensibile vuol dire, in sostanza, percezione di un numero maggiore di stimoli, e con maggiore intensità rispetto agli altri. L’ipersensibilità è una dote acquisita geneticamente (di solito, almeno uno dei genitori di un bambino ipersensibile, lo è anche lui) e che si sviluppa nell’arco della vita grazie alla concomitanza di eventi sociali, familiari e genetici.

L’ipersensibile non è affatto raro: gli studi di Jerome Kagan, negli ultimi anni, hanno attestato come circa il 20% della popolazione abbia questa qualità.  Qualità, sì, perchè se è vero che una percezione più accurata ha bisogno di essere gestita nel modo migliore, è pur vero che, in passato, la comunità scientifica che tanto si affida ai manuali diagnostici ha confuso l’ipersensibilità con altre patologie.

Errori diagnostici comuni

Il fatto che la psicologia abbia ignorato a lungo il fenomeno dell’ipersensibilità (e, in parte, continui ancora a farlo), impedisce all’ipersensibile di riconoscere la propria natura, producendo ulteriori danni nel momento in cui gli interessati decidono di prendere in considerazione un aiuto terapeutico.

Attenzione, quindi, se vi sentite formulare le seguenti diagnosi:

  • Nevrosi, depressione, sindromi ansiose
  • Instabilità emotiva
  • Co-dipendenza
  • Dipendenze
  • Autismo (per i bambini, di cui si parlerà in un altro articolo)
  • Borderline
  • ADHD

Una parola in più va spesa per la diagnosi di ADHD, innanzi tutto perchè attualmente è la più diffusa, e in secondo luogo perchè è quella più “a rischio”, in quanto solitamente accompagnata dalla prescrizione di psicofarmaci per diversi anni a venire. Una sindrome da deficit di attenzione può avere le cause più svariate: sovra-eccitamento dovuto a eccesso di informazioni, intolleranza agli additivi alimentari, elevato consumo di zuccheri collegato a sedentarietà, modalità percettiva falsata a causa dell’uso dei media, irretimento all’interno della famiglia, cause neuro-cerebrali.  Possono essere diagnosticati erroneamente, come disturbi dell’attenzione, anche i vani tentativi di un bambino di sottrarsi alla monopolizzazione da parte di uno dei genitori.  La descrizione dei sintomi dell’ ADHD ricorda molto quella di un ipersensibile che non ha ancora imparato a gestire la sua particolare predisposizione.

Hight Sensation Seekers: dall’ipersensibilità alla temerarietà

Se l’ipersensibilità si eredita geneticamente, lo stesso dicesi per questa particolare indole. Tipico di questa categoria è l’improvviso passaggio da “ipersensibile” a “rischioso e temerario”.  Gli ipersensibili che rientrano nella categoria degli HSS, spesso, sono i primi a non capire il proprio comportamento, e chi vive con loro risente di questa natura contraddittoria. La maggior parte degli ipersensibili vive in generale un conflitto interiore tra una parte di sè che tende a chiedere troppo e una che tende a chiedere troppo poco. A volte, questo conflitto si ripercuote all’esterno, facendo apparire la persona interessata da un lato ipersensibile, dall’altra amante del rischio. Sono proprio gli HSS, quelli più esposti al rischio di ricevere diagnosi Borderline di personalità.

TEST: sei ipersensibile?

Provate a rispondere Sì/NO alle seguenti affermazioni.

  1. per me, girare per negozi risulta più stressante degli altri
  2. sembro lasciarmi impressionare più degli altri da scene violente al cinema o in tv
  3. reagisco alle ingiustizie sociali come se ne fossi direttamente coinvolto
  4. senza dubbio tendo a spaventarmi molto di più degli altri
  5. ogni volta che entro in un nuovo ambiente mi sento subito inondato da tutte le novità, e di solito ho bisogno di più tempo degli altri per riuscire ad orientarmi
  6. i rumori forti mi creano quasi disagio fisico
  7. viaggiare mi risulta più stressante rispetto agli altri
  8. il contatto con gli altri, a volte, esaurisce le mie energie
  9. spesso rimugino molto a lungo su qualcosa, anche banalità, detta da me o altri
  10. a volte ho l’impressione di riuscire a sentire anche quello che gli altri non dicono
  11. spesso, mi torna continuamente alla mente qualcosa che ho dimenticato di dire o che non ho svolto nel migliore dei modi
  12. riesco a percepire con estrema precisione come si sentono gli altri
  13. spesso mi sento frainteso, perchè evidentemente percepisco più cose degli altri (e anche cose diverse) e a volte questo mi fa sentire molto solo
  14. preferisco evitare grandi assembramenti di gente
  15. da bambino rimanevo molto impressionato quando l’insegnante si arrabbiava con qualche mio compagno. Avevo l’impressione che stesse urlando con me, nonostante io non c’entrassi niente
  16. quando ci sono tensioni o possibili conflitti nell’aria, lo percepisco quasi a livello fisico, pur non essendone coinvolto direttamente
  17. mi lascio inutilmente coinvolgere dallo stato d’animo altrui
  18. se percepisco confusione e agitazione intorno a me, reagisco innervosendomi, lasciandomi prendere dallo stress, o producendo sintomi a livello psico-fisico
  19. sento un grande bisogno di avere uno spazio e del tempo tutti per me
  20. per sentirmi bene, devo percepire intorno a me un’atmosfera armoniosa
  21. preferisco evitare il più possibile situazioni conflittuali. Anche quando dovrei farmi valere, tendo a tirarmi indietro, pur prendendomela poi con me stesso per non aver avuto coraggio
  22. mi riesce più facile lottare per i diritti degli altri o le richieste della comunità, piuttosto che per i miei stessi interessi
  23. so prestare ascolto, sono capace di immedesimarmi nella situazione altrui e di incoraggiare chi ha problemi

Soluzione: contate le risposte affermative e quelle negative. Se più della metà delle affermazioni ha ricevuto la vostra condivisione, potreste appartenere alla categoria degli ipersensibili. 

Sei ipersensibile?
3.7 (73.33%) 3 votes

_____________________________________________________

© RIPRODUZIONE RISERVATA, COPYRIGHT www.davidealgeri.com. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

E’ vietata la copia e la pubblicazione, anche parziale, del materiale su altri siti internet e / o su qualunque altro mezzo se non a fronte di esplicita autorizzazione concessa da davidealgeri.com e con citazione esplicita della fonte. E’ consentita la riproduzione solo parziale su forum, pagine o blog solo se accompagnata da link all’originale della fonte. E’ altresì vietato utilizzare i materiali presenti nel sito per scopi commerciali di qualunque tipo.


Che emozione hai provato dopo aver letto questo articolo?

21.43% 0% 35.71% 28.57% 14.29%

Contatta lo psicologo

Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 del Regolamento Europeo n. 2016/679.


HAI BISOGNO DI UNO PSICOLOGO NELLA TUA ZONA? CERCALO NELLA RETE DI PSICOLOGI

Commenta