Terapia di gruppo in chat
Terapia di gruppo in chat: uno studio sull’efficacia
5 Agosto 2010
caso clinico
Quando l’aiuto diventa necessario (sesto incontro)
5 Agosto 2010
Tutte le categorie

Il dipendente da lavoro

Tempo di lettura: 2 minuti

dipendenza-da-lavoroLa società odierna, nonostante possa apparire curioso, ha recentamente iniziato a includere, il lavoro, tra le nuove forme di dipendenza.

Si parla di Workaholic o Work addiction o Work fixation, quando è presente un’eccessiva dedizione al lavoro, che porta la persona a tralasciare le relazioni importanti e gli altri interessi, fino al punto di scordarsi di se stessi.

Il tratto più subdolo della dipendenza da lavoro è il suo essere congruente (differentemente dalle altre dipendenze) con le aspettative sociali: essere produttivi, infatti, è una delle attese più pressanti della società in cui viviamo.

Sembrerebbe che quelli maggiormente predisposti siano i liberi professionisti, perchè non vincolati ad un orario fisso e quindi finiscono per perdere il limite tra ciò che è lavoro e ciò che non lo è. Nella maggior parte dei casi, le conseguenze sono una vita familiare e sociale distrutta, ansia, depressione e patologie stress-correlate.

I “lavoratori dipendenti” spesso negano il loro problema, in quanto alla base del disturbo vi è presente il piacere, quel piacere che deriva dalla gratificazione, dal riconoscimento sociale, dai risultati, dal ruolo decisionale. Proprio per il piacere che esiste alla base, molto spesso non esiste un riconoscimento del problema, in quanto non vi è un conflitto interno, piuttosto sono i familiari o comunque chi sta vicino alla persona ad avvertire il problema e a chiedere aiuto.

Caratteristiche del dipendente da lavoro

  1. basano la loro autostima sulle loro prestazioni lavorative e sui risultati che raggiungono;
  2. spesso per la paura di non riuscire a completare alcuni compiti, anche se non vogliono, non riescono a smettere;
  3. si sentono più capaci e intelligenti degli altri o viceversa più incapaci e inutili;
  4. tendono a focalizzarsi su ciò che non va;
  5. fuggono le vere emozioni con il lavoro;
  6. tendono a trascurare le relazioni interpersonali (tranne quelle legate al lavoro), affetti e interessi.
Lettura di approfondimento:  Uso corretto e abuso dei videogiochi nei bambini: quali rischi?

Fonte: Workaholics Anonymous

Commenta su Facebook
Il dipendente da lavoro
Valuta questo articolo

Dott. Davide Algeri

Psicologo, Psicoterapeuta, Consulente sessuale e Coach at Psicologia Pratica: La psicologia del cambiamento concreto
Psicologo, Psicoterapeuta, Consulente sessuale e Coach
Aiuto le persone a trovare semplici soluzioni pratiche a problemi complessi.

_____________________________________________________

© RIPRODUZIONE RISERVATA, COPYRIGHT www.davidealgeri.com. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

E’ vietata la copia e la pubblicazione, anche parziale, del materiale su altri siti internet e / o su qualunque altro mezzo se non a fronte di esplicita autorizzazione concessa da davidealgeri.com e con citazione esplicita della fonte. E’ consentita la riproduzione solo parziale su forum, pagine o blog solo se accompagnata da link all’originale della fonte. E’ altresì vietato utilizzare i materiali presenti nel sito per scopi commerciali di qualunque tipo.


Che emozione hai provato dopo aver letto questo articolo?

0% 0% 0% 0% 0%

Contatta lo psicologo

Acconsento al trattamento dei miei dati personali ai sensi del Regolamento Europeo GDPR.


HAI BISOGNO DI UNO PSICOLOGO NELLA TUA ZONA? CERCALO NELLA RETE DI PSICOLOGI

Dott. Davide Algeri
Dott. Davide Algeri
Psicologo, Psicoterapeuta, Consulente sessuale e Coach Aiuto le persone a trovare semplici soluzioni pratiche a problemi complessi.