Il coaching “creativo”
5 agosto 2010
Alzheimer: vissuti psicologici e aspetti psicodinamici (I PARTE)
27 agosto 2010
Tutte le categorie

Alzheimer: la diagnosi

Tempo di lettura: 3 minuti

demenza-di-alzheimer

La diagnosi probabile di demenza di Alzheimer si basa sulla presenza di deficit cognitivi e sull’assenza di patologie vascolari, internistiche, metaboliche in grado di spiegarne l’eziologia (Trabucchi M., 2002). La diagnosi di demenza di Alzheimer è il risultato di uno scrupoloso ed  approfondito processo valutativo che porta all’esclusione delle altre possibili cause di decadimento cognitivo.

Una diagnosi etiologica accurata è importante per riconoscere le forme reversibili o arrestabili ed è, anche nelle forme irreversibili, la premessa necessaria all’impostazione della terapia farmacologica e dei trattamenti riabilitativi, alla definizione della prognosi, alla pianificazione degli interventi socio-assistenziali. Inoltre, poiché l’impatto della demenza sulla famiglia del paziente è rilevante, una accurata diagnosi permette di fornire al paziente stesso ed ai familiari informazioni più precise circa il decorso della malattia, gli atteggiamenti e le modalità di relazione più appropriate, i servizi disponibili, i problemi legali ed etici che si potranno porre lungo il decorso della malattia.

Solo in questo modo, cioè dopo un percorso diagnostico e valutativo accurato e la programmazione di interventi terapeutico-riabilitativi definiti la demenza perderà le caratteristiche indistinte per assumere quelli di entità clinica che, pur nei limiti delle conoscenze attuali, possiede contorni e caratteristiche distintivi e condivisi (Trabucchi M., Boffelli S., 2004). A partire dall’età di esordio della patologia è possibile distinguere una forma ad esordio precoce nella quale l’AD fa la sua comparsa prima dei 65 anni, ed una, molto più frequente, ad esordio senile che si manifesta dopo i 65 anni. La diagnosi inizia con un’attenta anamnesi la quale deve essere verificata con un familiare al fine di ricavare informazioni su eventuali farmaci in atto somministrati, storia familiare per demenze e malattie neurologiche, esposizione a sostanze tossiche, modalità di esordio e di progressione, fluttuazione dei sintomi, capacità culturali e supporto sociale. Le informazioni fornite dai familiari appaiono preziose in quanto generalmente sono i primi a percepire nel proprio congiunto cambiamenti nel tono dell’umore, nell’efficienza intellettiva ed una diffusa modificazione dello stile di vita (La Barbera, Varia S., 2003). All’anamnesi va affiancata la valutazione dello stato mentale del paziente, un esame generale e neurologico (Amato A., 2009). Per la valutazione approfondita di alcune funzioni psichiche coinvolte nella patologia è necessario avvalersi di test psicometrici, che oltre a rivelarsi utili ai fini della diagnosi differenziale si mostrano efficaci anche a fini prognostici. Test psicometrici notevolmente utilizzati sono il Mini Mental State, il Wechsler Bellevue e le scale per la depressione (La Barbera D., Varia S., 2003). I criteri diagnostici di riferimento per porre diagnosi malattia di Alzheimer sono il DSM IV (Tab.1)

Lettura di approfondimento:  Alzheimer: vissuti dei familiari e degli operatori

Tab. 1 Criteri diagnostici per la demenza tipo Alzheimer DSM IV

  1. Sviluppo di deficit cognitivi multipli, manifesti da entrambe le condizioni seguenti:

a) deficit della memoria (compromissione delle capacità di apprendere nuove informazioni o di ricordare informazioni già acquisite)

b) una (o più) delle seguenti alterazioni cognitive:

  • afasia (alterazioni del linguaggio)
  • aprassia (compromissione  della capacità di eseguire attività motorie nonostante l’integrità della funzione motoria)
  • agnosia (incapacità di riconoscere o identificare oggetti nonostante l’integrità della funzione sensoriale)
  • disturbo delle funzioni esecutive (cioè pianificare, organizzare, ordinare in sequenza, astrarre)
  1. Ciascuno dei deficit cognitivi dei criteri A1 e A2 causa una compromissione significativa del funzionamento sociale o lavorativo, e rappresenta un significativo declino rispetto ad un precedente livello di funzionamento.
  2. Il decorso è caratterizzato da un insorgenza graduale e declino continuo delle facoltà
  3. I deficit cognitivi dei Criteri A1 e A2 non sono dovuti ad alcuno dei seguenti fattori:

Altre condizioni del sistema nervoso centrale che causano deficit progressivi della memoria e delle facoltà cognitive ( per es., malattia cerebrovascolare, malattia di Parkinson, malattia di Huntington, ematoma sottodurale, idrocefalo normoteso, tumore cerebrale)

Affezioni sistemiche che sono riconosciute come cause di demenza (per es., ipotiroidismo, deficienza di vitamina B12   o acido folico, deficienza di niacina, ipercalcemia, neurosifilide, infezioni HIV)

Affezioni indotte da sostanza

  1. I deficit non si presentano esclusivamente durante il decorso di un delirium
  2. Il disturbo non risulta meglio giustificato da un altro disturbo dell’Asse I (per es., Disturbo Depressivo Maggiore, Schizofrenia)

Con insorgenza precoce: all’età di 65 o prima.

Con deliri; con umore depresso; non complicato

Con insorgenza tardiva: dopo i 65 anni.

Con deliri; con umore depresso; non complicato

Con alterazioni comportamentali

Bibliografia

  1. Amato A., “Inquadramento clinico delle principali forme di demenza”, in ”, in Atti del Convegno Gestione territoriale del paziente con demenza, Palermo, 2009.
  2. D. La Barbera, S. Varia, Percorsi clinici della psichiatria. Aggiornato al DSM IV-TR, Medical Books, Palermo, 2003
  3. R.L. Spitzer, DSM-IV-TR casi clinici. Applicazioni cliniche del manuale diagnostico e statistica dei disturbi mentali, editore Elsevier Masson, 2003.
  4. M. Trabucchi, S. Boffelli, La gestione del paziente demente, Critical Medicine Publisching Editore, Roma, 2004.
  5. M. Trabucchi, Le demenze, Utet, Milano, 2002.
Alzheimer: la diagnosi
Valuta questo articolo
Dr.ssa Simona Lauri

Dr.ssa Simona Lauri

Psicologa Psicoterapeuta e Coach Alimentare
Esperta nel trattamento di Obesità e Disturbi Alimentari
Esercita la libera professione a Milano dove offre consulenza psicologica e psicoterapia breve strategica e interventi di mental training per sportivi.
Dr.ssa Simona Lauri

Latest posts by Dr.ssa Simona Lauri (see all)


_____________________________________________________

© RIPRODUZIONE RISERVATA, COPYRIGHT www.davidealgeri.com. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

E’ vietata la copia e la pubblicazione, anche parziale, del materiale su altri siti internet e / o su qualunque altro mezzo se non a fronte di esplicita autorizzazione concessa da davidealgeri.com e con citazione esplicita della fonte. E’ consentita la riproduzione solo parziale su forum, pagine o blog solo se accompagnata da link all’originale della fonte. E’ altresì vietato utilizzare i materiali presenti nel sito per scopi commerciali di qualunque tipo.


Che emozione hai provato dopo aver letto questo articolo?

0% 0% 0% 0% 0%

Contatta lo psicologo

Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 del Regolamento Europeo n. 2016/679.


HAI BISOGNO DI UNO PSICOLOGO NELLA TUA ZONA? CERCALO NELLA RETE DI PSICOLOGI

Commenta

Dr.ssa Simona Lauri
Dr.ssa Simona Lauri
Psicologa Psicoterapeuta e Coach Alimentare Esperta nel trattamento di Obesità e Disturbi Alimentari Esercita la libera professione a Milano dove offre consulenza psicologica e psicoterapia breve strategica e interventi di mental training per sportivi.